Franco Miano, Presidente Nazionale dell’Azione Cattolica, chiude il secondo anno della Scuola di Politica

Sarà Franco Miano, Presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, a chiudere, sabato 16 novembre alle ore 15.30 presso l'oratorio della Parrocchia di San Paolo, il secondo anno della Scuola di formazione all’Impegno Politico e sociale voluta dall’AC in collaborazione con la Diocesi di Fidenza.

Il Presidente nazionale cercherà di fare sintesi dell’argomento trattato in quest’anno di incontri “Le parole della politica”. Franco Miano, che vive a Pomigliano D’Arco (NA), è laureato in Filosofia e insegna Filosofia Morale presso l’Università di Roma Tor Vergata. Ha ricoperto moltissimi incarichi universitari ed ecclesiali. Dal 1997 al 2002 è stato direttore dell’Istituto Vittorio Bachelet per lo studio delle problematiche sociali e politiche. È presidente nazionale dal 2008, nominato dal Consiglio permanente della CEI,  ed è stato confermato nell’incarico nel maggio 2011.

Verso la XV Assemblea Nazionale

Persone nuove in Cristo Gesù
Corresponsabili della gioia di vivere

L’Azione Cattolica Italiana si è messa in cammino verso la XV Assemblea Nazionale, che si terrà a Roma dal 1 al 4 maggio 2014. Le assemblea parrocchiali e diocesane, che si terranno in questi mesi, sono chiamate a discutere i temi e le proposte del documento preparatorio “Persone nuove in Cristo Gesù. Corresponsabili della gioia di vivere”.

Il Papa e l’ateo

Siamo certi che non è una moda, ma qualcosa che rappresenta una novità assoluta e allo stesso tempo un seme di speranza, perché il dialogo è sempre segno di speranza.

La Repubblica del 24 settembre scorso ha infatti pubblicato la risposta di Papa Benedetto XVI al volume del matematico Piergiorgio Odifreddi. Nel suo libro "Caro Papa ti scrivo", edito da Mondadori, Odifreddi criticava la visione cristiana del mondo ispirata dai volumi su Gesù scritti da Joseph Ratzinger. Benedetto XVI da tempo meditava una risposta a quello che è per molti il simbolo italiano dell’ateismo intellettuale militante.

Pregiatissimo Dr. Scalfari...

“Pregiatissimo Dr. Scalfari…” iniziava così la lettera inviata da Papa Francesco al fondatore del quotidiano "La Repubblica" e pubblicata dallo stesso giornale l’11 settembre scorso.

Saranno sicuramente tremati i polsi anche ad Eugenio Scalfari, che certo non si può definire un giornalista di primo pelo, quando il postino ha recapitato la missiva con cotanta firma nella redazione del quotidiano romano. Ma le sorprese non dovevano finire lì per il fondatore del giornale più laico del nostro paese, se dopo tredici giorni a Scalfari capiterà di salire le scale della residenza di Santa Marta per trovarsi al cospetto di Jorge Mario Bergoglio, il Papa della cristianità, che ancora rappresenta circa un miliardo di persone in tutto il mondo.

Ora Basta!

Dinanzi all'ennesima tragedia del mare, mentre ancora si contano i morti e i dispersi, tra essi anche bambini e donne incinte, l'Azione Cattolica sente il dovere umano e cristiano di andare oltre il cordoglio per le vittime innocenti e lo sconcerto per un dramma annunciato. E dire il suo "ora basta!". Come denunciato da papa Francesco, quanto accaduto al largo di Lampedusa è una vergogna!

La comunità europea ed internazionale non può più ignorare lo stillicidio di sofferenze e lutti di un'umanità dolente che scommette la propria vita inseguendo il sogno di una dignità negata, in fuga da luoghi in cui povertà e guerre sono l'insopportabile normalità. Uomini, donne, bambini arrivati dal mare con ancora negli occhi l'illusione di un futuro migliore, nelle tasche una promessa che costa al "passeggero" tutto ciò che possiede. Tante, troppe, insopportabili volte tutto ciò diventa tragedia e morte.

Gino Bartali, giusto tra le nazioni

Gino Bartali, indimenticato campione del ciclismo degli anni ‘30 e ‘40, è stato dichiarato “Giusto tra le nazioni” dallo Yad Vashem, il memoriale delle vittime dell’Olocausto, di Gerusalemme.

Bartali durante l’occupazione nazista in Italia faceva parte di una rete di salvataggio guidata dal rabbino Nathan Cassuto di Firenze, insieme all’arcivescovo della città, cardinale Elia Dalla Costa. Questa rete ebraico-cristiana, messa in piedi con l’inizio delle deportazioni, salvò centinaia di ebrei italiani e rifugiati. Bartali agì come corriere per la rete, nascondendo nella sua bicicletta falsi documenti e carte e trasportandoli attraverso le città con il pretesto degli allenamenti.

Laboratori della speranza. Il presidente del Senato Pietro Grasso a Fidenza

Sarà il Presidente del Senato Pietro Grasso ad inaugurare i "Laboratori della Speranza" il prossimo 1° ottobre alle ore 18.00 al Centro Interparrocchiale di San Michele a Fidenza.

In quest'occasione il Presidente del Senato presenterà il suo ultimo libro "Liberi tutti", che racconta della sua esperienza come magistrato e procuratore nazionale antimafia.
Pietro Grasso ha lottato perché tutti, anche nelle aree più difficili del nostro paese, potessero avere una Speranza e ora prova a farlo dai vertici dello Stato.

L'incontro, che avrà per titolo "Liberi tutti. Per diventare cercatori di Speranza", organizzato da Consulta per la Pastorale Giovanile, Azione Cattolica Diocesana e Progetto Link vedrà i giovani e adulti della nostra Diocesi confrontarsi con la seconda carica dello Stato sul tema della Speranza.
Il Presidente del Senato arriverà in città alle ore 17.30 e si recherà in visita alla Cattedrale, dove sarà accolto dal Vescovo di Fidenza S.E. Mons. Carlo Mazza e dal parroco Don Stefano Bianchi.

L’AC prega e digiuna per la pace in Siria con Papa Francesco e con il Vescovo Carlo

L’Azione Cattolica Diocesana di Fidenza invita i ragazzi, i giovani, gli adulti e tutti gli uomini di buona volontà che hanno nel cuore la Pace, a partecipare alla Preghiera per la Pace in Siria, che si terrà sabato 7 settembre alle ore 19.00 presso la Chiesa Eucaristica Diocesana di San Pietro.

L’AC diocesana si unisce al Vescovo Carlo, che ha voluto questo momento, in comunione con Papa Francesco e con tutta la Chiesa Universale. L’Azione Cattolica di Fidenza fa suo, in questo modo, l’impegno dell’associazione nazionale e del Forum Internazionale di Azione Cattolica, perché in ogni parte del mondo si levi alto il grido che “solo con la Pace si prepara la Pace”. La troppo lunga sofferenza del popolo siriano, in particolare di tanti bambini, non sarà placata da nuove guerre, che potrebbero mettere a repentaglio la stabilità dell’intero e amato Medio Oriente. Come associazione che opera nella costruzione del bene comune e per la promozione della pace auspichiamo che il nostro Paese e la comunità internazionale accolga l’esortazione “a fare ogni sforzo per promuovere, senza ulteriore indugio, iniziative chiare per la pace in Siria, basate sul dialogo e sul negoziato, per il bene dell’intera popolazione di quel paese”.

Preghiera e digiuno per la pace, l'Ac risponde all'appello di Francesco

L'Azione cattolica italiana, come tutte le Ac del mondo riunite nel Forum internazionale di Azione cattolica (Fiac), condivide "il grido della pace" di cui Papa Francesco si è fatto interprete nel corso dell'Angelus di domenica 1 settembre e rinnova il proprio impegno a essere un anello di quella grande catena di donne e uomini di speranza, di dialogo e di solidarietà che considerano la pace un bene prezioso che supera ogni barriera, da promuovere e tutelare sempre.

Aderendo alla proposta e all'intenzione di Papa Francesco, poiché tutti siamo chiamati ad essere costruttori di pace, i ragazzi, i giovani e gli adulti di Azione Cattolica di tutta Italia, condividendo la troppo lunga sofferenza di tutta la popolazione siriana, in particolare di tanti bambini, parteciperanno alla giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo indetta per sabato 7 settembre. Offriamo la nostra concreta disponibilità a contribuire all'organizzazione in tutte le parrocchie e le diocesi del Paese di questo momento di preghiera e di incontro, alla vigilia della ricorrenza della Natività di Maria, Regina della Pace.

Lumen Fidei

Una lettera Enciclica, scritta a quattro mani da due Pontefici, è un dono unico e inestimabile per tutta la Chiesa Cattolica. La Lumen Fidei traspira in modo potente delle linee guida, che hanno ispirato teologicamente il pontificato di Benedetto XVI e allo stesso tempo indica le premesse fortemente innovative, che Papa Francesco ha introdotto in questi primi mesi del suo ministero.

La Fede è parte della storia, si specifica nella ragione e dialoga con la scienza. È questo il messaggio centrale della teologia di Papa Ratzinger, che ha introdotto temi essenziali in una società che, come lui stesso afferma, tende alla scristianizzazione. Su questa linea si innesta il tema della Speranza centrale nei primi discorsi di Papa Francesco e dono essenziale che i cristiani non devono “farsi rubare”. Questi non sono però temi astratti destinati solo al dialogo tra teologi ma parte integrante della vita della città e quindi del quotidiano di ogni uomo, come ben specifica il capitolo quarto dell’Enciclica “Dio prepara per loro una città” (Eb 11, 16).

Nativit del Beato Angelico.jpg

Sostieni AC

Cerca

Eventi

Ottobre 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Facebook Image

Link

News su AC